La vita quotidiana in tempi di transizione

25-26 settembre 2015
Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali,
Università di Pavia, via S. Felice, 5

Il convegno di fine mandato della Sezione Vita Quotidiana dell’AIS è, innanzi tutto, un’occasione per ricordare che, nel 2014, la Sezione ha compiuto trent’anni. Sono stati anni di profonda trasformazione degli scenari geo-politici, economici e culturali globali, che hanno aperto una lunga fase di transizione verso nuovi assetti, la cui comprensione è stata ed è tuttora oggetto di sfide vitali per l’immaginazione sociologica. In tale contesto di “passaggio d’epoca”, secondo la felice espressione di Alberto Melucci, la prospettiva della vita quotidiana si è proposta come un osservatorio privilegiato per cogliere gli indizi del mutamento in corso, leggendoli nel complesso intreccio di pratiche, relazioni, vissuti che forniscono la trama dell’esperienza, individuale e sociale.

Nell’orizzonte denso d’incertezza che questi decenni hanno consegnato ai contemporanei, si è sviluppata una diffusa vulnerabilità dei soggetti, denunciata ormai da molti studi. In particolare, la de-istituzionalizzazione in atto, alimentando l’individualizzazione dei percorsi di vita, rende altamente problematica la gestione delle transizioni biografiche, sempre più dilatate, frammentate, esposte al rischio di lunghe fasi di stallo, nelle quali sembra sbiadire l’idea stessa di futuro. È una situazione, in cui operano liberamente dispositivi anarchici di potere, fonte di nuove, crescenti disuguaglianze.

D’altro canto, il dibattito che la Sezione ha sviluppato anche negli ultimi anni mostra che, se si presta attenzione al modo in cui prende forma l’esperienza quotidiana, si possono osservare interessanti motivi di ambivalenza, in cui si annida la capacità di “resistenza” dei soggetti. Si tratta di una capacità, finalizzata alla ricostruzione del senso di divenire delle biografie e,
contemporaneamente, alla configurazione di nuove forme di legame sociale, suscettibili di restituire consistenza allo spazio pubblico, messo in questione, oggi, dalla crisi delle istituzioni democratiche.

Il Convegno intende promuovere un approfondimento di queste ambivalenze, prendendo in considerazione soggetti e situazioni diversificate.

Nuove sfide per nuovi soggetti,a trent’anni dalla fondazione della Sezione

Per scaricare la locandina e il programma:

download (1)

XXII Summer School di San Gimignano –  “Il senso del vivere oltre le nuove solitudini”

Immagini e rassegna stampa XXII Summer School di San Gimignano –  “Il senso del vivere oltre le nuove solitudini”:

 

http://www.araratonline.com/siena-italia-a-xxii-a-editie-a-international-summer-school-on-religions-a-adus-un-omagiu-armenilor-ucisi-in-1915/
SWummer School 2015 Sessione armena_Il pubblico DSCN6595
                     Avvenire 27 agosto 2015

 

 

 

 

 

 

 

2016 CESNUR Conference

The 2016 CESNUR Conference

RELIGIOUS MOVEMENTS IN A GLOBALIZED WORLD: KOREA, ASIA, AND BEYOND

Daejin University – 1007 Hoguk Road, Pocheon City, Republic of Korea
5 July – 10 July 2016

Co-organized by:
Center for Studies on New Religions (CESNUR)
International Society for the Study of New Religions (ISSNR)
Korean Academy of New Religions (KANR)
Department of Daesoon Theology, Daejin University

http://www.cesnur.org/2016/daejin-cfp.htm

CALL FOR PAPERS

The 2016 CESNUR Conference will go to Asia for the second time, after CESNUR 2011 in Taiwan. We welcome papers especially on this year’s theme: «Religious Movements in a Globalized World: Korea, Asia, and Beyond».

As the 2014 CESNUR Conference in Waco (Texas), focused on globalization and how religious movements adapt to external and societal changes, in 2016 we plan to discuss how global is globalization, and how it affects internal changes in the movements and religious innovation. With this theme in mind, we will welcome especially papers on recently born new religious movements, new forms of religious innovation, and on religious movements in Asia and of Asian origin, particularly Korea.

Papers will also be welcome on:

  • Change in “old” new religions
  • New religious movements and the visual arts
  • Esoteric movements and innovation
  • New religions operating as global networks
  • and all those topics upon which you are currently conducting research in our usual, larger area.

Papers and sessions proposals should be submitted by E-mail before the close of business on 15 February 2016 to cesnur_to@virgilio.it, accompanied by an abstract of no more than 300 words and a CV of no more than 200 words.
Proposals may be submitted either in English or in French.