Call genere e religioni e religioni ed educazione

In occasione del  prossimo Convegno nazionale dell’AIS, che si svolgerà a Verona, 10-12 Novembre del 2016

(http://www.ais-sociologia.it/event-items/disuguaglianze-giustizia-equita-nel-contesto-globale-xi-convegno-ais/),

 

la sezione ha promosso due call in collaborazione con AIS Educazione e AIS Studi di genere.

Di seguito i dettagli e in allegato le call.

Si prega di prestare attenzione alle scadenze (differenti) e agli indirizzi mail cui mandare le proposte.

AIS_GENERE_RELIGIONE

Scadenza invio abstract: 30 luglio 2016

Indirizzo cui inviare l’abstract:  genere.religione.ais@gmail.com

Notifica accettazione:  30 agosto 2016.

Scaricare la call Genere e religione

 

AIS_EDUCAZIONE_RELIGIONE

Scadenza invio abstract: 30 luglio 2016

Indirizzo cui inviare l’abstract:  religione.educazione.ais@gmail.com

Notifica accettazione: 30 agosto 2016.

Scaricare la call Religione ed educazione

La vita quotidiana in tempi di transizione

25-26 settembre 2015
Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali,
Università di Pavia, via S. Felice, 5

Il convegno di fine mandato della Sezione Vita Quotidiana dell’AIS è, innanzi tutto, un’occasione per ricordare che, nel 2014, la Sezione ha compiuto trent’anni. Sono stati anni di profonda trasformazione degli scenari geo-politici, economici e culturali globali, che hanno aperto una lunga fase di transizione verso nuovi assetti, la cui comprensione è stata ed è tuttora oggetto di sfide vitali per l’immaginazione sociologica. In tale contesto di “passaggio d’epoca”, secondo la felice espressione di Alberto Melucci, la prospettiva della vita quotidiana si è proposta come un osservatorio privilegiato per cogliere gli indizi del mutamento in corso, leggendoli nel complesso intreccio di pratiche, relazioni, vissuti che forniscono la trama dell’esperienza, individuale e sociale.

Nell’orizzonte denso d’incertezza che questi decenni hanno consegnato ai contemporanei, si è sviluppata una diffusa vulnerabilità dei soggetti, denunciata ormai da molti studi. In particolare, la de-istituzionalizzazione in atto, alimentando l’individualizzazione dei percorsi di vita, rende altamente problematica la gestione delle transizioni biografiche, sempre più dilatate, frammentate, esposte al rischio di lunghe fasi di stallo, nelle quali sembra sbiadire l’idea stessa di futuro. È una situazione, in cui operano liberamente dispositivi anarchici di potere, fonte di nuove, crescenti disuguaglianze.

D’altro canto, il dibattito che la Sezione ha sviluppato anche negli ultimi anni mostra che, se si presta attenzione al modo in cui prende forma l’esperienza quotidiana, si possono osservare interessanti motivi di ambivalenza, in cui si annida la capacità di “resistenza” dei soggetti. Si tratta di una capacità, finalizzata alla ricostruzione del senso di divenire delle biografie e,
contemporaneamente, alla configurazione di nuove forme di legame sociale, suscettibili di restituire consistenza allo spazio pubblico, messo in questione, oggi, dalla crisi delle istituzioni democratiche.

Il Convegno intende promuovere un approfondimento di queste ambivalenze, prendendo in considerazione soggetti e situazioni diversificate.

Nuove sfide per nuovi soggetti,a trent’anni dalla fondazione della Sezione

Per scaricare la locandina e il programma:

download (1)