ESA RN34 – Midterm Conference: Religions and Identities in the European Migration Crisis

DlXe2CcW0AAAaX0

In the framework of the ESA RN34 Mid-term Conference entitled “Religions and Identities in the European Migration Crisis”, AIS-Section of Sociology of Religion, in cooperation with ESA RN34, has organized a panel on Religion and religiosity of migrants: what is the role of the social remittances?

Contemporary studies have mainly examined the economic consequences and impact of remittances in the sending countries, but left unnoticed the deep influence of Social Remittances. Social Remittances are ideas, practices, identities and social capital that flow from host country to receiving country.  No attempt has been made so far to explore how migratory movements and remittances affected religion and religious practices thus leading to a subsequent social transformation. The literature on religion consists of a number of studies that have documented the correlation between religiosity and various social and political behaviors (Gruber, and Hungerman, 2008; Cadge and Ecklund, 2007; Ecklund, 2006; Ellison 1991). Nevertheless, there is no empirical evidence on the relationship between religiosity and remittances sending behavior.
This panel intends to address the impact that international migration is having in terms of religious patterns worldwide. The contributions of the panelists seek to examine the transformations – if any – in the religious practices of migrants in the destination countries and if they affect the countries of origin as well. If religiosity and religious practices facilitate the adaptation of immigrants into a new society and what are the consequences of religious influences between home and host countries.

Moderators
Prof. Emanuela C. Del Re and Prof. Roberta Ricucci

Panelists/Speakers
Francesca Rosati, University of Leiden
Giulia Marroccoli, University of Turin
Nicolamaria Coppola, La Sapienza – University

Genesi e storia del pensiero musulmano contemporaneo

Genesi e storia del pensiero musulmano contemporaneo. Dalla crisi dell’Impero Ottomano ai nostri giorni

Tre i livelli di indagine:

Analisi delle dinamiche geopolitiche, trasformazione delle strutture sociali,i protagonisti e le sfide ( storia del pensiero).

Questo approccio ci permette di non sottrarre i protagonisti di questa storia al contesto socio politico in cui hanno operato e di organizzare il nostro percorso a partire dal dibattito interno alle realtà del mondo musulmano,  distinguendo tra chi ha  dedicato la sua analisi ai temi della modernità: libertà di coscienza, laicità,diritti, democrazia ecc., chi ha affrontato le stesse questioni in un ottica più giuridica o con una maggiore attenzione alle dinamiche sociali,  ponendosi il problema del rapporto tra Stato nazionale e Umma, tra tradizione e modernità e chi, invece, si è avventurato sul terreno di una rinnovata interpretazione del testo coranico.

Il seminario si terrà  di venerdì dalle ore 9, 30 alle ore 12, nella sede  del Centro Teologico, in Corso Stati Uniti 11/H (Torino).

Sette incontri tra Marzo e Maggio, così suddivisi:

Venerdì 4 e 18 Marzo, venerdì 1, 15 e 29 Aprile, venerdì 13 e 27 Maggio.

Docenti del seminario: Adel Jabbar e Federico Avanzini

Tutti coloro che intendono partecipare al seminario sono pregati di comunicarlo alla segreteria del Centro Teologico tel. 011 5629760 (ore ufficio: dalle  9,30 alle 13  e dalle 14 alle 18), al fine di consentire di preparare al meglio il materiale didattico.

 

Nasce CRAFT “Contemporary Religions And Faiths in Transition”

Nasce CRAFT “Contemporary Religions And Faiths in Transition”, centro di ricerca del Dipartimento di Culture, Politiche e Società dell’Università di Torino.

CRAFT si propone di contribuire alla comprensione di questi fenomeni attraverso un approccio multidisciplinare, grazie all’apporto di sociologi, storici, scienziati politici, geografi, teologi e antropologi, utilizzando metodi di ricerca sia qualitativi sia quantitativi.I principali temi di ricerca sono:

  • Religione, democrazia e diritti umani
  • Religioni, generi, pluralismo e migrazioni
  • Religioni indigene nel mondo contemporaneo
  • Tradizione e innovazione religiosa
  • Religioni, economia e consumi

Per informazioni:
http://www.dcps.unito.it/do/home.pl/View?doc=craft.html.

Le relazioni pericolose

Giovedì 1 Ottobre – Campus Luigi Einaudi, Lungo Dora Siena 100/A, Torino
Venerdì 2 Ottobre – Palazzo del Rettorato,  Aula Principi d’Acaja,  Via verdi 8,  Torino

“La spiritualità odierna si caratterizza sempre più per ciò che viene definito bricolage, divenendo non solo luogo di memoria e  conservazione, ma anche risorsa di innovazione culturale che produce discorsi, valori, miti e pratiche originali attraverso forme  di sincretismo e di reinvenzione della tradizione – i due meccanismi principali della creatività culturale in ambito religioso.

Se la modernità ha differenziato e reso autonome le sfere sociali, la spiritualità contemporanea ha trovato terreno fertile in  questa stessa differenziazione, esprimendo la capacità di coniugare e stabilire inedite relazioni con le sfere secolari della vita  sociale, generare nuovi modelli d’azione e diffondere immaginari pubblicamente condivisi.”

Per scaricare la locandina:

download (1)